Dubai, apre la ruota più alta del mondo

Ain Dubai, la ruota panoramica più grande e alta del mondo, apre al pubblico. Dai suoi 250 metri di altezza si gode una vista a 360 gradi sull’emirato. Un giro completo dura 38 minuti. Tutti venduti i biglietti per il primo giorno di visite. La ruota dei record ha un nome molto evocativo, Ain Dubai, che significa l’Occhio di Dubai, e domina dall’isola artificiale di Bluewaters Island l’intera costa lungo la quale si snoda la città, regalando emozioni forti e un panorama mozzafiato.

Dalle sue 48 cabine è possibile ammirare la suggestiva skyline di Dubai che si disvela dall’alto in un’inedita prospettiva, con i suoi edifici simbolo Burj Khalifa e Burj Al Arab. Una tappa da non perdere da non perdere se si pianifica di visitare gli Emirati durante Expo 2020. Ogni cabina super lusso può accogliere fino ad un massimo di 40 persone, per un totale di 1.750 visitatori in una volta. Per motivi di sicurezza legati alla pandemia si è per ora preferito limitare gli ospiti a 10-12 per ciascuna cabina. Per issare la Ain Dubai è stato necessario utilizzare la gru cingolata più grande del mondo, con anello girevole del peso di 5.000 tonnellate.

screen shot

Nessun dubbio sulla sua solidità e stabilità, soprattutto dopo che il Principe ereditario, lo Sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, si è fatto riprendere appollaiato sul tetto di una delle cabine tra lo stupore generale. Scopriamo insieme curiosità in più su Ain Dubai che si appresta a diventare una delle principali attrazioni dell’emirato.  Continua a leggere

The magical Liwa desert

In Liwa, in one of the most evocative landscapes of the Arabian Peninsula, there is a resort with luxury tents to experience the desert in every comfort. With its unique shapes and colours, the Liwa desert is the northernmost edge of the Rub’ al Khali, the so-called “Empty Quarter”, the world’s largest sand desert. Liwa Oasis is located 150 kilometres southwest of the city of Abu Dhabi and is one of the United Arab Emirates’ scenic landscape jewels.

‘Liwa Nights’, is the name of this original retreat, combining traditional elements of the Bedouin culture with a modern concept of comfort. It’s the so-called glamping, a word that derives from the fusion of camping and glamour, a concept that allows you to experience life in the desert, in contact with the wild without giving up the comforts. A perfect environmentally friendly combination which turns out to be an alternative to super-luxurious hotels heavily impacting on nature with their invasive buildings.

“I worked in the cultural field and I noticed that expats in the Emirates did not have many opportunities to meet with locals and learn about the true Emirati hospitality,” tells me Salem Mazrouie, owner and creator of Liwa Nights’ project. Being able to intercept the need of those who were not born in the Emirates of getting in touch with the Emirati population is Salem Mazrouie’s great intuition. Let’s find out more about this unique resort, surrounded by a boundless expanse of sand dunes.  Continua a leggere

Lo scandalo dell’ex Cancelliere

Sebastian Kurz esce di scena, travolto dal suo stesso “sistema” di potere. Peculato, concussione, corruzione, i reati ipotizzati. L’ÖVP crolla nei sondaggi. Per ironia della sorte proprio l’ex Cancelliere, che si era servito di sondaggi truccati e commissionati con fondi pubblici per scopi partitici, vede all’indomani delle sue dimissioni il proprio partito calare drasticamente nelle preferenze dei cittadini austriaci, scendendo al 27% dal 31% dello scorso agosto e dal 37,5% delle politiche del 2019. Il cosiddetto “affaire delle inserzioni pubblicitarie” (Inseratenaffäre) ha disvelato all’interno del Partito Popolare che fa capo all’ex Cancelliere Kurz un vero e proprio sistema che si serve di metodi spregiudicati e agisce al di fuori delle regole, utilizzando un linguaggio irrispettoso degli avversari politici, in totale spregio delle istituzioni democratiche.

Sebastian Kurz perde la guida dell’esecutivo travolto dallo stesso sistema corruttivo di cui è al contempo artefice e vittima. Un sistema che è emerso anche attraverso una serie di messaggi che Sebastian Kurz si è scambiato con il cerchio dei suoi più stretti collaboratori nei quali turpiloquio e nepotismo si mostrano in tutta la loro potente brutalità. Non l’interesse pubblico ma quello privato sono al centro di uno scandalo che potrebbe portare l’Austria ad una disaffezione per la politica senza precedenti e ad una profonda sfiducia verso le istituzioni. E sono proprio la ricerca di stabilità e trasparenza ad aver guidato il Presidente Van Der Bellen nella designazione del Ministro degli Esteri Alexander Schallenberg (ÖVP) quale nuovo Cancelliere, chiudendo nel modo più rapido possibile una crisi che poteva rischiare di paralizzare il Paese. Un cambio della guardia a capo dell’esecutivo chiesto dai Verdi e dal loro leader e Vice-cancelliere Werner Kogler, alleati di governo dei Popolari, che mettevano seriamente in discussione la capacità di azione di Kurz, minacciando possibili nuove coalizioni. Scopriamo di più su questi sms e messaggi in chat che potrebbero non avere rilevanza penale ma che fanno luce su un inquietante sistema del Cancelliere.  Continua a leggere

Il magico deserto di Liwa

A Liwa, immerso in uno dei paesaggi più suggestivi della Penisola arabica, c’è un resort con tende di lusso per vivere l’esperienza nel deserto con ogni comodità. Dalle forme e dai colori unici, l’area desertica di Liwa è il lembo più a nord del Rub’ al Khali, il cosiddetto “Quarto vuoto”, il più grande deserto di sabbia del mondo. L’oasi di Liwa si trova 150 chilometri a sud-ovest della città di Abu Dhabi e rappresenta uno dei gioielli paesaggistici degli Emirati Arabi Uniti. ‘Liwa Nights’, questo il nome dell’originale struttura, ha la particolarità di aver saputo coniugare elementi tradizionali della cultura beduina con un concetto dell’ospitalità moderno e confortevole.

La formula è quella del cosiddetto glamping, parola che nasce dalla fusione di camping e glamour, un concept che permette di assaporare la vita nel deserto, a stretto contatto con una natura selvaggia, senza il venir meno di comfort a cui non sapremmo mai rinunciare. Un connubio perfetto che ha a cuore l’ambiente e che si pone come alternativa agli hotel super lussuosi che intaccano pesantemente aree naturali con costruzioni invasive. “Ho lavorato nell’ambito culturale e ho notato che gli expat residenti negli Emirati non avevano molte occasioni di conoscere la popolazione locale” mi racconta Salem Mazrouie ideatore del progetto e proprietario del resort Liwa Nights. Aver saputo intercettare il bisogno di chi non è nato negli Emirati di entrare in contatto con la popolazione locale è la grande intuizione di Salem Mazrouie. Scopriamo di più su questo resort unico, circondato solo da una distesa sconfinata di dune di sabbia.  Continua a leggere

Expo, un futuro migliore insieme

Spettacolo mozzafiato all’Expo di Dubai, con una cerimonia high-tech e visionaria. Un unico messaggio sotteso: battersi per un futuro migliore. La serata si è snodata con grande ritmo dalla Yowlah, la tradizionale danza emiratina caratterizzata dalle percussioni, al gran finale con il tenore italiano Andrea Bocelli. Coreografie di straordinario impatto scenografico; musica classica e pop, con l’alternarsi sapiente di atmosfere trascinanti, poetiche ed epiche; danze coinvolgenti; artisti di fama mondiale che hanno saputo emozionare il pubblico. Protagonista indiscussa la cupola di Al Wasl Plaza e le strabilianti proiezioni sulla sua superficie che hanno amplificato l’effetto delle danze dal vivo, ipnotizzando gli spettatori.

Unità, ottimismo, tenacia. Expo 2020 Dubai non è solo un inno all’innovazione, è anche e soprattutto un richiamo forte alla coesione tra i popoli, una spinta a ritrovare legami e armonia con la natura, un’esortazione forte alla cooperazione tra gli uomini per costruire tutti assieme un futuro sostenibile, riuscendo a salvare il nostro pianeta.

Questo il fil rouge dell’intera cerimonia di apertura, impreziosita da quadri scenografici che riproducevano con coreografie dal vivo e proiezioni sulla calotta semisferica della cupola cieli stellati, fondali oceanici, nuvole e foreste incantate.  Scopriamo di più sulla serata di apertura di questa memorabile edizione dell’Esposizione universale di Dubai.  Continua a leggere

Dubai, Expo 2020 al via stasera

Tutto è pronto per la cerimonia di apertura di Expo 2020. A Dubai South è stata costruita una città del futuro grande 480 ettari, come 600 campi di calcio. Controlli e test continuano senza sosta, come pure la messa a punto dei piani per fronteggiare le emergenze e dei protocolli di sicurezza. L’Esposizione universale di Dubai è pensata per offrire ai visitatori un’esperienza coinvolgente, combinando senza soluzione di continuità gli stimoli provenienti dai vari padiglioni nazionali e dai tre Padiglioni tematici.

La cerimonia di apertura inizierà tra poco nella scenografica Al Wasl Plaza. L’iconica e gigantesca cupola, realizzata grazie all’ingegno e al prezioso contributo italiano, pesa più di 500 tonnellate ed è dotata di 200 proiettori che la rendono un’enorme superficie di proiezione. Prenderanno parte allo spettacolo ben 900 persone provenienti da 64 Paesi. Tra suggestivi fuochi d’artificio, sfilata di bandiere nazionali e grande musica, sarà una serata memorabile. Vediamo insieme quali misure verranno adottate, anche in chiave Covid-19.  Continua a leggere

Dubai, 9 giorni a Expo 2020

Mancano pochi giorni all’inizio di Expo 2020. Dubai è pronta a dare il via allo spettacolo internazionale più atteso dell’anno. Lanciata oggi la canzone ufficiale “This Is Our Time”. La prima Esposizione Universale che si svolge nel Medio Oriente sta per aprire le porte ai visitatori di tutto il mondo. Sei mesi di show strabiliante dal primo ottobre al 31 marzo 2022.

Ad interpretare il brano che farà da colonna sonora all’evento tre artisti scelti per celebrare l’orgoglio nazionale e al tempo stesso lo spirito di cooperazione internazionale, in sintonia perfetta con il motto di Expo 2020: “Connecting Minds, Creating the Future” (Connettere le menti, creare il futuro).

Un trio d’eccezione composto da Hussain Al Jassmi, pianista, compositore, cantante emiratino la cui fama è riconosciuta in tutta la regione mediorientale e ambasciatore di Expo 2020; Mayssa Karaa, cantautrice libanese-americana nata a Beirut e basata a Los Angeles, che oltre ad aver ricevuto una nomination ai Grammy Awards è anche il Direttore artistico della Firdaus Orchestra, orchestra tutta al femminile di Expo 2020; e Almas, cantautrice emiratina appena 21enne ma già nominata da Spotify miglior talento femminile del Medio Oriente. Scopriamo di più sull’Esposizione Universale di Dubai che si preannuncia come l’edizione più straordinaria di sempre.  Continua a leggere

Maneskin, seni nudi e voli sulla folla

I Maneskin trionfano in Austria, al festival Nova Rock Encore. Suono travolgente, grinta, capezzoli occhieggianti, siparietti trasgressivi. Così, tra note graffianti e voli sulla folla per Damiano e Thomas, la rock band romana ha infiammato i 15mila accorsi per il concerto a Wiener Neustadt. Il primo grande evento musicale dal vivo della scena pop rock dall’inizio della pandemia in Austria, che si è svolto nel pieno rispetto delle misure di sicurezza imposte dal Covid-19.

Vigeva la norma delle 2G, ossia potevano accedere solo i vaccinati o chi fosse in possesso di test PCR negativo, in un clima di ordine e tranquillità. Secondo gli organizzatori l’86% delle persone presenti al festival era in possesso del certificato di avvenuta vaccinazione, il restante 14% era munito di un test antigienico o molecolare con esito negativo. Controlli veloci ma rigorosi dei documenti d’identità e dei certificati, difficile ipotizzare un clima simile in Italia. Poi, una volta giunti dentro lo stadio, si respirava finalmente un’aria di rilassatezza e libertà. Un happening collettivo vissuto con trasporto e spensieratezza, dopo mesi di restrizioni e lunghi periodi di lockdown. I Maneskin hanno dominato il palco da veri mattatori, sebbene abbiano fatto parlare la critica più del loro look tutto pelle, borchie e trasparenze, che delle loro note. La stampa locale ha infatti sottolineato la netta prevalenza di cover sui brani originali dei vincitori dell’Eurovision Song Contest 2021.

Su vari quotidiani non sono mancati titoli dedicati ai capezzoli al vento della bassista Victoria. Il pubblico, però, ha accolto con entusiasmo e grande coinvolgimento l’esibizione live dei Maneskin, cantando spesso a squarciagola frammenti di testo, persino in italiano, come nel caso di “Zitti e buoni”, il brano più famoso della band romana. Scopriamo di più sui dettagli piccanti e sexy del concerto dei Maneskin.  Continua a leggere

Dubai, prima moschea green

Inaugurata a Dubai la prima moschea sostenibile del mondo. Riduce del 26,5% il consumo di energia e del 55% quello di acqua. È stata costruita con materiali riciclati ed è dotata sia di un impianto fotovoltaico, sia di uno di depurazione delle acque. L’innovativo luogo di culto green messo a punto dalla DEWA, l’Autorità per l’Energia e l’Acqua di Dubai, ha ottenuto il certificato di platino rilasciato dal U.S. Green Building Council, l’organizzazione no profit, con quartier generale a Washington D.C., che promuove la sostenibilità applicata al design e alla costruzione degli edifici.

Courtesy: DEWA

L’elevata sostenibilità del progetto è in linea con il Dubai 2040 Urban Master Plan, il piano urbanistico dell’emirato varato di recente dal sovrano Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti. Scopriamo particolari in più su questa nuova moschea eco-friendly.  Continua a leggere

Inside a Van Gogh painting

You can walk into alive Vincent Van Gogh paintings in Dubai. Infinity Des Lumières provides such a new, immersive experience at the Dubai Mall. Is this immersive experience going to be the future of art? Experts are wondering why living Vincent Van Gogh paintings are increasingly gaining ground. Currently, there are at least two ongoing exhibitions in New York similar to that on show in Dubai. Purists turn up their nose, but the main point is: will these initiatives strengthen art? The general public cling to these out of any classic standard exhibits because in the selfie society any chance to share the most spectacular moment on social media is not to be missed. 

The experience at Infinity Des Lumières, the largest digital art center in the Middle East, is not without such indulgence, not surprisingly suggesting every once and again photogenic spots for best ever selfies. You can even find a room full of mirrors with the ubiquitous spot where to take the perfect selfie. These exhibitions seem to bring closer to art people who would not otherwise be even driven by the desire to enter a museum or a gallery. Music and animations do the rest, making painting accessible and attractive, expanding its imaginative power. If these immersive digital experiences deserve a credit, it’s because they contribute to making art accessible for a general audience, tweaking it to 21st century communication, with technology and innovation increasingly becoming a cultural paradigm.

Digital art galleries like these do not replace museums and original artworks, with their depth and materiality. They represent instead a different consumption of art, all experiential, intended for an audience used to interacting with technology. Being immersed in famous paintings is what people want to experience, a result achieved with high-resolution image animations projected on giant screens. Let’s go and see how digital art galleries work, some of the most evocative images and what are the other exhibitions currently on show at the Infinity Des Lumières digital gallery in Dubai.  Continua a leggere